Skip to content

Dormire in un castello: come sono fatti i castelli medioevali

Dormire in un castello: come sono fatti i castelli medioevali

Quali stanze c’erano in un castello medievale oltre alla camera da letto?
Nei castelli dove vivevano un tempo i nobili, le stanze principali utilizzate per mangiare e dormire dal castellano, la sua famiglia e i suoi cavalieri si trovavano nel mastio, la torre rettangolare all’interno delle mura di un castello.

Il mastio (chiamato in alcuni casi anche maschio) è la torre più solida e alta del castello, costruita per essere il posto più forte e sicuro.
Rispetto ai primi castelli, successivamente si iniziarono a costruire torrioni rotondi perché quelli rettangolari potevano essere attaccati negli angoli, che erano le parti più deboli.

La maggior parte dei castelli si trova su una collina, perché?
Il luogo di costruzione è sempre stato strategico: in questo modo eventuali nemici avrebbero dovuto attaccare in salita e i castellani avrebbero potuto giocare d’anticipo vedendoli arrivare.

Come sono fatte le mura dei castelli

Le mura dei castelli sono molto spesse: addirittura in alcuni casi erano spesse circa cinque o sei metri.
Le parti rotonde che sporgono sono chiamate bastioni.
Gli arcieri che difendevano il castello potevano scagliare frecce da questi contro i nemici che attaccavano le mura.
Le frecce potevano anche essere lanciate attraverso strette fessure nelle pareti chiamate “fori del delitto”.
I merli dei castelli erano spesso realizzati così in modo che i difensori potessero schivare dietro di loro mentre colpivano l’esercito attaccante.

I nemici per contrastare la difesa utilizzavano in genere enormi catapulte o arieti o una specie di balestra gigante chiamata arbalest.
Salivano su scale speciali che potevano lanciare e agganciare alle pareti, tenendo gli scudi sopra la testa mentre i difensori lasciavano cadere rocce o versavano olio bollente su di loro.

Veniva utilizzata anche una miscela di farina d’avena bollente, come una specie di porridge mortale che si attaccava ai soldati attaccanti.
La maggior parte dei castelli aveva un fossato o un fossato pieno d’acqua attorno alle mura per rendere più difficile il passaggio agli aggressori. A volte gli aggressori scavavano tunnel sotto il fossato e le mura in modo che parte delle mura crollasse nell’acqua.
Un altro modo per entrare in un castello era utilizzando una “torre d’assedio“.

La torre d’assedio dei castelli

Che cos’era la torre d’assedio? Si trattava di un’alta torre di legno su ruote che poteva essere spostata vicino alle mura. Gli aggressori in cima alla torre avrebbero raggiunto le mura del castello utilizzando il proprio ponte di legno.
A volte l’esercito attaccante circondava semplicemente il castello e aspettava che quelli all’interno finissero il cibo e si arrendessero, ma poiché tutti i castelli tenevano una scorta di cibo pronta, questi assedi potevano durare fino a due anni.

Il muro esterno di un castello era chiamato Bailey.
All’interno del Bailey c’erano gli edifici dove vivevano il bestiame, i cavalli e la servitù del signore del castello.

Il Dongione

Nei castelli medievali, gran parte della vita del signore e dei suoi seguaci si svolgeva nel Donjon o dongione.
Il dongione rappresenta una torre fortificata che, oltre alla sua funzione di presidio difensivo, serviva anche come dimora per la nobiltà e per le guarnigioni nel corso del Medioevo. A volte, era dotato sia di una cinta muraria che di un fossato proprio, accessibile tramite un ingresso appositamente concepito, non direttamente collegato all’esterno.
All’interno del castello c’erano anche locali per la conservazione degli alimenti. Queste stanze dovevano essere rifornite di cibo per durare a lungo nel caso ci fosse un assedio.

Di solito c’era un pozzo, quindi le persone nel castello potevano ottenere acqua fresca. C’erano cucine per cucinare i pasti quotidiani e dispense dove venivano conservati gli alimenti per l’uso quotidiano. C’erano anche la Sala Grande e le camere da letto.
Il Donjon poteva essere alto anche 70 metri, con una torre di guardia dove le sentinelle vigilavano su eventuali attacchi e dalla cui cima sventolava la bandiera del signore.

Com’erano le stanze del castello?

La Sala Grande

La stanza più importante di un castello era la Sala Grande.
È qui che tutti i componenti della famiglia si sedevano per mangiare sui tavoli apparecchiati per ogni pasto.
Era il luogo in cui si tenevano le feste per i giorni speciali o quando c’erano ospiti. La festa di Pentecoste di Re Artù si svolse in una sala del genere.

In questa sala il signore svolgeva quasi tutti gli affari del castello, impartendo ordini sulla gestione del suo patrimonio, ascoltando i rapporti del suo ufficiale giudiziario o del suo reeve (gli uomini che gestivano gli affari sulla sua terra per lui), ascoltando le lamentele di ognuno di loro.
Al centro della sala veniva acceso un fuoco., il fumo poteva fuoriuscire da un buco nel tetto.

Anche con il fuoco, la grande stanza di pietra era comunque molto fredda in inverno, e gli abitanti o gli invitati vestivano sempre con spessi indumenti di lana e pellicce per tenersi al caldo.
Il pavimento era spesso ricoperto di giunchi e paglia (che veniva cambiato quando era molto sporco).
Non c’era molta luce, poiché le finestre dovevano essere piccole e alte in caso di attacco, e al posto del vetro avevano un panno o una pergamena oliata.
La maggior parte delle persone nel Medioevo andava a letto quando faceva buio e si alzava quando faceva luce al mattino.
Le candele erano troppo costose (soprattutto quelle di cera d’api) anche per i signori di molti castelli.
Usavano candele di sego (fatte con il grasso di pecora o capra), torce fiammeggianti o lampade che bruciavano olio di pesce per illuminare le loro Grandi Sale.

Per la decorazione, le travi della sala erano spesso dipinte con motivi: i segni dello zodiaco erano tra i preferiti.
Alle pareti erano appesi degli arazzi (anche questi rendevano l’ambiente un po’ più caldo). C’erano tavoli e panche di legno, con cuscini o tovaglie ricamate. C’erano anche grandi cassapanche di legno intagliato con complicate serrature che contenevano documenti importanti o biancheria o oggetti preziosi per tenerli lontani dai ladri e dai topi.

La camera da letto

I topi erano un problema per i vestiti e nella camera da letto c’era un palo per appendere i vestiti di notte in modo che i topi non li mordicchiassero.
La gente non indossava nulla a letto tranne forse un berretto da notte (le camicie da notte non furono indossate fino al XIV secolo) e dormivano semiseduti.

La cucina

Il cibo veniva arrostito o bollito in calderoni sul fuoco di un focolare fatto di grandi blocchi di pietra. Il lavaggio dei piatti veniva effettuato in una vasca sul pavimento di pietra lì vicino.
Un ricco cavaliere, la sua famiglia e gli ospiti mangiavano bene.
A differenza della maggior parte delle persone, avevano molta carne: cervo, oca, coniglio e lepre.
Il venerdì e i giorni festivi, quando la carne era proibita dalla chiesa, si mangiava pesce o anguille.
Se c’era una festa speciale, gli addetti alle cucine erano impegnati a preparare il cinghiale, o il cigno arrosto, o anche il pavone arrosto, servito con tutte le sue piume come decorazione.
Altri uccelli apprezzati nel Medioevo erano le colombe, le allodole, i tordi e le cinciallegre, alcuni di questi venivano catturati dal castellano e dai suoi amici mentre erano a caccia con i loro falchi.

I Servizi igienici

Dove andavano in bagno le persone quando vivevano in un castello?
Molti castelli avevano servizi igienici in pietra costruiti sopra buchi nei muri esterni.
Questi si svuotavano in una fossa molto più in basso.
I Cavalieri Teutonici (monaci-guerrieri dell’Europa centrale) che vivevano nel castello di Malbork in Polonia erano soliti uccidere i loro nemici invitandoli ad essere ospiti al castello e poi gettandoli nel gabinetto.
I castelli medievali non avevano bagni con acqua corrente, eppure alla gente piaceva fare il bagno. In alcuni castelli accanto alla cucina vi era una stanza dove le donne facevano il bagno in gruppo.

Acquista ora

Acquista ora

Acquista ora